Quando si svolgono dei lavori in campo edile, a prescindere dalla specifica tipologia dell’intervento, gli esperti del settore hanno bisogno di appositi strumenti, essenziali per poter portare a termine l’incarico.
I trabattelli sono senza dubbio uno degli elementi più utilizzati nell’ambito in questione, poiché permettono agli specialisti delle imprese di raggiungere punti difficili da trattare a causa dell’altezza.
In commercio esistono vari tipi di trabattelli, ciascuno pensato proprio per assecondare le esigenze dei lavoratori ed agevolare in concreto le operazioni richieste dal committente.
La Svelt, è un’azienda specializzata nella produzione e vendita di trabattelli, con sede a Bagnatica (BG), in Via delle Groane, n. 13.
Tra i tanti meriti, l’impresa può vantare anche l’invenzione, nel 1964, del primo trabattello telescopico in Italia, noto anche come ponteggio mobile.
Scopriamo insieme agli esperti i trabattelli disponibili sul mercato e le loro caratteristiche.

Trabattelli professionali o domestici


La prima grande differenziazione in materia di trabattelli prende in considerazione la tipologia di lavoro da svolgere con l’ausilio dello strumento.

Nello specifico, esistono soluzioni pensate per un utilizzo domestico e altre realizzate per agevolare interventi professionali.

La sostanziale differenza tra i due tipi di trabattelli consiste nel fatto che il modello hobbistico ha una struttura tale da consentire un semplice montaggio, per permettere anche ad una sola persona di usare il ponteggio mobile con estrema facilità.  

A questo si aggiunge un altro dato importante, che riguarda la misura verticale dei trabattelli.

Nel caso di impalcature ad uso professionale, infatti, le altezze di lavoro raggiungibili sono decisamente più elevate di quelle previste per i trabattelli domestici.


Il materiale e la portata


I materiali utilizzati per la realizzazione dei trabattelli sono due: alluminio e acciaio.

Chi sceglie un ponteggio mobile in alluminio può beneficiare di uno strumento leggero ed estremamente maneggevole nel trasporto, anche se caratterizzato da una resistenza minore rispetto all’acciaio.

Per ovviare al problema, però, molte case produttrici hanno messo in commercio trabattelli in alluminio rinforzati in acciaio.

Questo sottolinea come il materiale in questione risulti senz’altro più idoneo a sopportare stress e sollecitazioni di vario genere, pur caricando il ponteggio di una pesantezza maggiore, a differenza del modello in semplice alluminio.

Così come il materiale di costruzione, anche la portata si rivela un altro aspetto essenziale per distinguere i diversi tipi di trabattelli, classificati in base alle cosiddette classi di carico, come suggerisce la norma UNI EN 1004:2005.

In linea di massima, la capacità dipende dalle esigenze di utilizzo e, dunque, saranno i trabattelli professionali a garantire una superiore tenuta di peso.


Il tipo di accesso e l’ambito di utilizzo


Anche la modalità di accesso al trabattello distingue i vari tipi presenti in commercio, che vengono classificati con le lettere dalla A alla D.

Seguendo l’ordine alfabetico, la scala può essere a rampa (A), a gradini (B), a pioli inclinata (C) e a pioli verticale (D).

È bene precisare che i trabattelli possono essere dotati anche di più opzioni di accesso, purché queste siano debitamente segnalate nella marcatura, una targhetta ben visibile che contiene informazioni come nome del fabbricante, classe di carico, norma di riferimento, altezza massima e, appunto, tipo di accesso.

Per quanto riguarda le condizioni di utilizzo, invece, i tipi di trabattelli sono due: da esterno o da interno.

In tal caso, l’elemento discriminante tra i due sarà, ovviamente, la conformazione del ponteggio mobile, che in situazioni di uso esterno dovrà poter fronteggiare con successo condizioni climatiche avverse e, in particolare, raffiche di vento.

Per questo motivo, i trabattelli ad uso esterno avranno un’altezza massima di 8 metri, mentre quelli ad uso interno potranno raggiungere i 12 metri.

Per maggiori dettagli sull’argomento rivolgiti agli esperti Svelt.

Chiama il numero 035/681104 o scrivi una mail all’indirizzo vendite@svelt.it.