SOPPALCO A SCOPO RIPOSTIGLIO



La legge 985/2017 cita una sentenza emessa dal Consiglio di Stato.

Essa rende possibile soppalcare una zona della casa a patto che essa non sia abitabile, ma sia solamente adibita a uso ripostiglio, avente quindi dimensioni ridotte e in grado di non interferire con la struttura base dell’immobile.

Un piccolo soppalco posto in un garage allo scopo di riporvi degli attrezzi per esempio.

Per ripostiglio si intende un vano sopraelevato, privo di finestre e di dimensioni modeste, non in grado di ospitare una persona in posizione eretta.

In soppalco non sarà abitabile a norma di legge ma sarà comunque utile per sfruttare dello spazio come deposito o magazzino, perché lo spazio in casa non è mai abbastanza.

In questo caso non ha senso investire in una scala ampia e costosa, in quanto il soppalco verrà usata solo saltuariamente per depositare o prelevare oggetti.
Prima di realizzare un soppalco in casa bisogna capire bene se l'intervento soddisfa pienamente i requisiti previsti dalla legge.

Ovviamente un soppalco di notevoli dimensioni e calpestabile necessita di permessi edilizi.

Se si abita in un condominio è buona norma depositare presso l’amministrazione i documenti che attestino l’idoneità del soppalco.

SOPPALCO D'ARREDO



Un soppalco d’arredo consente di sfruttare lo spazio sotto il letto per creare una zona studio o relax.

Per il soppalco d’arredo non è necessario ottenere autorizzazioni o sottostare a normative particolari, visto che non viene modificato il volume abitabile o i muri perimetrali.

I letti a soppalco sono una soluzione ideale anche per chi desideri crearsi un doppio spazio con letto sopra e sotto una scrivania per il computer o un divano, per meglio gestire gli spazi di un piccolo appartamento.