A fronte delle normative sull’utilizzo delle scale, e nel rispetto della tutela della sicurezza sul luogo di lavoro, l’utilizzo di scale nei cantieri è regolamentato da alcune linee guida che devono essere assolutamente rispettate e che fanno riferimento al rapporto tra tipologia di lavoro e scala da scegliere; condotta del lavoratore in relazione all’attrezzatura; procedure prima, durante e dopo l’utilizzo; standard tecnici e obblighi del fabbricante. Ogni parte di questi protocolli è fondamentale per tutelare l’incolumità degli addetti ai lavori in quota e per chi sosta al di sotto dell’attrezzo.


Regole base e procedure corrette


Le scale portatili sono attrezzature di lavoro dotate di pioli o gradini sui quali una persona può salire, scendere e stazionarvi per brevi periodi, permettendogli di superare dislivelli e raggiungere posti di lavoro in quota; possono essere inoltre trasportate e installate a mano senza l’ausilio di mezzi meccanici. Per quanto riguarda le tipologie di scale ne abbiamo differenti modelli, ed ognuno è più o meno adatto alla tipologia di lavoro da effettuare. Troviamo le scale: in appoggio; doppie; trasformabili; multiposizione con cerniera; telescopiche, a gabbia; movibili con piattaforma. Sarà il datore di lavoro a scegliere il modello tenendo presente di tutti i fattori relativi alla sicurezza, alla pertinenza dei lavori e alle normative. Tutte le scale devono riportare la marcatura, così come impone il D.lgs 81/08, con all’interno:


  • numero della norma: UNi EN 131
  • nome e indirizzo del fabbricante/distributore
  • tipologia (descrizione, numero e lunghezza dei componenti, lunghezza massima della scala durante l’uso)
  • mese e anno di produzione e/o numero di serie
  • indicazione dell’inclinazione per le scale dove questo non sia ovvio a causa della loro struttura o forma
  • carico massimo totale portata (kg)
  • che la scala deve essere utilizzata da una sola persona alla volta
  • peso della scala (kg)
  • isolamento (se presente)


Le regole base di cui deve tener conto l’utente delle scale in appoggio e doppie sono quelle riportate nelle istruzioni del manuale, quindi: carico massimo, appoggiare su una base piana, non sporgersi, appoggiare su una base solida, non scendere dal lato della scala, usare la scala con l’orientamento corretto, aprire completamente prima dell’uso (per scale doppie) e accertarsi che i dispositivi di sicurezza siano bloccati (per scale doppie).


Per quanto riguarda la scelta, bisogna prendere in considerazione i rischi da eliminare e/o ridurre preventivamente dell’attività che si andrà a svolgere, tenendo presente che

la scala doppia: non è idonea come sistema di accesso ad altro luogo e non deve superare l’altezza di 5 m; la scala in appoggio è invece idonea come sistema di accesso ad altro luogo, e usata per l’accesso dovrà essere tale da sporgere a sufficienza (ad esempio, per almeno 1 metro) oltre livello di sbarco-accesso, a meno che altri dispositivi garantiscano una presa sicura, non deve inoltre superare l’altezza di 15 m.

La scala trasformabile deve essere usata con una altezza massima di 5 metri per la configurazione doppia e con una altezza massima di 15 metri per la configurazione in appoggio. Inoltre bisogna ricordare che:


  • in configurazione di scala doppia non è idonea come sistema di accesso ad altro luogo.
  • in configurazione di scala in appoggio è idonea come sistema di accesso ad altro luogo.
  • in configurazione di scala in appoggio, usata per l’accesso, dovrà essere tale da sporgere a sufficienza oltre il livello di accesso, a meno che altri dispositivi garantiscano una presa sicura.
  • si dovrà salire sulla scala fino a un’altezza tale da consentire al lavoratore di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicura.
  • non ci si dovrà esporre lateralmente per effettuare il lavoro.
  • non si dovrà salire/scendere su/dalla scala portando materiali pesanti o ingombranti che pregiudichino la presa sicura.
  • una scala a pioli permette un breve posizionamento in altezza della persona.
  • una scala a gradini permette un breve posizionamento in altezza della persona, con un comfort maggiore rispetto a quella a pioli.


Per il posizionamento
bisogna rispettare nei minimi dettagli tutte le indicazioni nelle istruzioni fornite dal fabbricante, e per quanto riguarda quello delle scale in appoggio ad elementi innestabili o all’italiana c’è bisogno di personale addetto specificatamente addestrato. Anche per quanto riguarda l’utilizzo, bisogna seguire le indicazioni del fabbricante, prima dell’uso è necessario ad esempio:


  • assicurarsi di essere in condizioni fisiche che consentano l’uso della scala, alcune condizioni mediche, assunzione di farmaci o abuso di alcol o droghe potrebbero rendere l’uso della scala non sicuro
  • assicurarsi che sia correttamente posizionata
  • ispezionarla dopo la consegna e prima del primo utilizzo per verificare le condizioni e il funzionamento di ogni sua parte
  • controllare visivamente che non sia danneggiata e che possa essere utilizzata in modo sicuro all’inizio di ogni giornata di lavoro
  • effettuare l’ispezione periodica secondo le istruzioni del fabbricante
  • assicurarsi che sia adatta all’impiego specifico
  • eseguire una valutazione del rischio in conformità alla legislazione del paese di utilizzo prima di utilizzarla sul luogo di lavoro
  • verificare il peso massimo ammesso sulla stessa
  • verificare le condizioni della superficie di lavoro di appoggio
  • verificare l’integrità e la presenza di tutti i componenti
  • non utilizzarla se danneggiata
  • verificare che non ci siano pericoli potenziali nella zona di attività
  • verificare che per i lavori sotto tensione venga utilizzata solo quella per l’uso specifico
  • verificare se la presenza di altri lavori possa avere interferenze pericolose
  • verificare che lo spazio davanti e ai lati della stessa sia libero da ostacoli
  • verificare che le condizioni atmosferiche siano adatte
  • verificare che sia montata nella posizione corretta ovvero con la corretta angolazione per una scala di appoggio (angolo di inclinazione circa 1:4), con i pioli o i gradini orizzontali e completamente aperta per una scala doppia
  • verificare che i dispositivi di ritenuta siano bloccati prima dell’uso
  • verificare che essa sia posizionata su una base piana, orizzontale e non mobile

Durante l’uso
della scala il lavoratore deve:


  • non collocarla su attrezzature che forniscano una base per guadagnare posizione in altezza
  • posizionarla su un supporto stabile, in modo da garantire la posizione orizzontale dei gradini/pioli
  • assicurarsi che sia sistemata e vincolata in modo da evitare sbandamenti
  • salire/scendere su/dalla stessa indossando l’abbigliamento adeguato e i Dpi idonei sulla base della valutazione dei rischi (calzature ad uso professionale atte a garantire una perfetta stabilità e posizionamento; non a piedi nudi o con scarpe a tacchi alti o con ogni tipo di sandalo, non con lacci che possano impigliarsi o finire sotto le scarpe ecc.)
  • salire fino a un’altezza tale da consentirgli di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicura
  • non esporsi lateralmente per effettuare il lavoro; la fibbia della cintura (ombelico) dovrebbe trovarsi all’interno dei montanti ed entrambi i piedi sullo stesso gradino/piolo durante tutta l’operazione
  • non lasciarla per accedere ad un altro luogo in quota senza una sicurezza supplementare, come un sistema di legatura o un dispositivo di stabilizzazione adatto
  • non utilizzarla per accedere a un altro livello in caso di scala doppia
  • non oltrepassare il terz’ultimo gradino di una scala in appoggio
  • non sostare sui due gradini/pioli più alti di una scala doppia senza piattaforma e guarda-corpo
  • non sostare sui quattro gradini/pioli più alti di una scala doppia con tronco a sbalzo all’estremità superiore se previsto dal fabbricante
  • non utilizzarla per effettuare lavori su parti elettriche sotto tensione a meno che non sia isolata
  • non utilizzarla all’esterno, in condizioni climatiche avverse come vento forte
  • adottare precauzioni per evitare che i bambini possano giocare sulla stessa
  • assicurare le porte (non le uscite antincendio) e le finestre, quando possibile, nell’area di lavoro
  • non usarla come ponte
  • non salire/scendere su/dalla stessa portando materiali pesanti o ingombranti che pregiudichino la presa sicura.
  • posizionare sempre entrambi i piedi sulla stessa, non sbilanciandosi
  • tenersi in salita e in discesa sulla linea mediana, col viso rivolto verso la stessa e le mani posate sui pioli o sui montanti
  • mantenere il corpo centrato rispetto ai montanti
  • effettuare la salita e la discesa solo sul tronco predisposto per la salita (con gradini e pioli)
  • stazionare sulla stessa solo per brevi periodi intervallando l’attività con riposo a terra
  • evitare di saltare a terra dalla stessa
  • evitare ogni spostamento della stessa, anche piccolo, ma eseguirlo quando non si è su di essa
  • non modificare la posizione della stessa dall’alto
  • avere sempre una presa sicura a cui sostenersi, quando si posiziona sulla stessa
  • disporre eventualmente di un contenitore porta attrezzi agganciato alla stessa specificatamente previsto per l’uso dal fabbricante
  • disporre eventualmente di un contenitore porta attrezzi agganciato alla vita in caso di utilizzo di attrezzi da lavoro
  • evitare di posizionare un piede su un gradino (piolo) e l’altro su un oggetto o ripiano
  • evitare di sporgersi lateralmente
  • evitare la salita, la discesa e lo stazionamento contemporaneo con altri lavoratori
  • evitare di applicare sforzi eccessivi con gli attrezzi da lavoro che potrebbero farla scivolare o ribaltare
  • evitare la salita e la discesa sulla stessa portando materiali pesanti o ingombranti che pregiudichino la presa sicura
  • evitare la salita e la discesa sulla stessa se si soffre di vertigini
  • evitare la salita e la discesa sulla stessa quando si è stanchi o la funzionalità degli arti è pregiudicata (per esempio: lesioni, dolori ecc.)
  • vietarne l’utilizzo alle donne gestanti

Dopo l’uso della scala è necessario:


  • verificare l’integrità di tutti i componenti
  • movimentarla con cautela per evitare di colpire accidentalmente terzi
  • tenerla inclinata e mai in orizzontale, specie quando la visibilità è limitata
  • non inserire il braccio all’interno della stessa fra i gradini/pioli nel trasporto a spalla
  • riportarla alla minima altezza nel caso del tipo a sfilo a due o tre tronchi
  • riporla in un luogo non esposto alle intemperie
  • riporla verticalmente con i montanti a terra ed assicurarsi che non possa cadere
  • non riporla a terra orizzontalmente, in quanto fonte di possibile inciampo
  • effettuarne, eventualmente, la pulizia


Rimozione e manutenzione. Altre due fasi importanti per la sicurezza



La rimozione
delle scale può rappresentare una fase altrettanto pericolosa se non vengono seguite le linee guida riportate all’interno delle istruzioni d’uso fornite dal fabbricante, soprattutto per quanto riguarda la rimozione delle scale in appoggio ad elementi innestabili o all’italiana che richiede l’addestramento del lavoratore addetto.  Anche la manutenzione, indispensabile per poter utilizzare le volte successive un attrezzo sicuro e idoneo al lavoro, deve essere effettuata da personale qualificato e tra i vari passaggi da eseguire, fondamentali sono quelli della:


  • verifica degli zoccoli antiscivolo e loro integrità
  • verifica dei componenti della scala: montanti e pioli
  • verifica dei collegamenti tra i componenti


Svelt, azienda di Bagnatica (BG), produce e propone una vasta gamma di scale fin dal 1964, frutto di una pluriennale esperienza, tutte collaudate e certificate da organismi ufficialmente riconosciuti e fabbricate in accordo agli standard qualitativi e di sicurezza nazionali ed europei. Inviateci un email all’indirizzo svelt@svelt.it per richiedere un preventivo o chiamateci al numero 035 681104 per avere maggiori informazioni dal nostro team di esperti.


Se invece desiderate vedere tutti i nostri prodotti, visitate il nostro sito www.svelt.it, qui potrete trovare tutti i dettagli tecnici e maggiori informazioni riguardo le normative e le procedure da seguire.